Saturday, 5 February 2005

Scorregge e rutti

Ora voi penserete che esagero, pur di strapparvi una risata. Ma e' vero. Oggi sono dovuto venire in ufficio (perche' sono avido e coglione).
Grande operazione di aggiornamento della rete che prometteva di essere un disastro.
Sin dall'arrivo, un tipo, seduto qui dietro me (ma non normalmente), ha iniziato (o continuato) a scoreggiare. Io non sono esperto, non so i nomi, e non li saprei associare ai tipi, ma questo ha fatto varie tipologie di scorregge. Una cosa incredibile, per altro non essendo sovrappeso, come possa avere tutta quell'aria nello stomaco! Minchia, altro che stomaco: una fogna o una centrale chimica!!
Comunque il tipo continua anche ora, mentre vi scrivo, a emettere delle robe incredibile. Al punto che i suoi tolleranti (e anzi complici loro stessi) colleghi, hanno iniziato a deriderlo e a respirare con un fazzoletto davanti alla bocca.
Roba da non crederci. Se questo vi sembrasse incredibile, allora aggiungete John, un tipo dal vocione che per non lasciare lo scoreggione solo, nell'imbarazzo dell'attivita' flautolenta, lo sta accompagnando con sonori rutti, ma roba pesa eh. Lui chiaramente e' un pivello, perche' mentre il primo scoreggia senza mangiare o bere nulla, il ruttone deve continuare a bere cocacola per avere la carica necessaria.
I romani non avevano capito un cazzo. Chiamavano barbari i tedeschi che poi hanno mantenuto vivo l'impero romano.. altro che barbari..
alla prossima.. burp!

Burp e' sia verbo che sostantivo, il significato e' chiaro
Fart e' anch'esso sia verbo che sostantivo, e significa scoreggiare.
Per dire fare un scorreggia, si dice to fart or to do a fart (non to make a fart, che e' sbagliato).

Interessante l'immagine data dall'espressione to fart around o to fart about, che significa perdere tempo a fare cazzate invece di fare cose importanti (to waste time doing silly or useless things):
Stop farting about and help me tidy up.

No comments: