Sunday, 18 February 2007

Hogarth alla Tate britain.

siccome che sto leggendo questi libri fantastici, 3 volume da 900 pagine cadauno, il ciclo barocco di Neal Stephenson (quicksilver, the confusion, system of the world), un romanzo un po' storico un po' fictional che si svolge tra il 17 e 18esimo secolo, per lo + a londra, ma non solo, con un mix di personaggi storici (newton, hooke, etc..) e immaginari (dr. waterhouse, eliza, gli shaftoes ecc..), allora questa mostra ci sta proprio precisa.
sebbene la londra di hogarth e' quella della fine della storia e non comprende la londra della rivoluzione, di cromwell, dell'unica parentesi anti monarchica, della testa del re che rotola, dei puritani che prendono il sopravvento, comunque e' molto vicina. tanti dei nomi dei luoghi e anche delle persone o delle attivita' dei dipinti e disegni di hogarth si trovano nei libroni, come la prigione di newgate, il manicomio di bedlem, le impiccagioni di tyburn, il mercato di covent garden, il bordellone di southwark e poi lo stesso hogarth che va a vivere a leicester fields (oggi nota come leicester square) dove proprio eliza ha casa...
gran bella mostra consigliata a tutti quelli che possono andare a vederla, aperta fino al 29 aprile.

No comments: