Sunday, 4 March 2007

London: a life in maps


Vista nell'ultimo giorno di apertura la mostra London: a life in maps alla British library.
Innanzi tutto la BL e' un posto assolutamente da visitare se vi trovate a Londra, aperta ogni giorno della settimana. C'e' un'ampia zona aperta a visitatori e le mostre sono sempre molto interessanti e gratuite. E' anche possibile vedere alcuni dei manoscritti + incredibili, da leonardo da vinci ai beatles.
Bagni, caffetteria, ristorante, una bella piazza per le giornate di sole, molte possibilita' di sedersi e questo strano cilindro centrale in vista che contiene la biblioteca di un re (George ??).
Wifi access al sito della BL online e' gratuito; invece wifi access a internet e' a pago.
La mostra London: a life in maps metteva in mostra una raccolta di mappe di londra a partire dall'epoca romana, fino ai nostri giorni, con alcune incredibili carte che mostrano londra nel 16esimo, 17esimo e 18esimo secolo.
La mostra e' perfetta dopo la lettura del Baroque cycle di Neil Stephenson, perche' molte di queste carte si riferiscono alla stessa londra dei 3 romanzi, pre incendio del 1666 e post incendio, compresa east india company e docks.
Abbiamo visto una foto satellitare degli anni '90, 1990, che mostra la zona dove abitiamo con i suoi wharves, oggi scomparsi per far posto agli edifici dove abitiamo.
Ho visto tuttiquei luoghi di cui il ciclo barocco tanto parla, le arene per le lotte di animali a sud del fiume, a Southwark (pronunciato al giorno d'oggi come Sadock dove la "d" deve essere la versione sonora di "th"), la prigione/citta' nella citta' di Newgate, i campi dove le condanne a morte (impiccagione e sventramento da vivi nel caso peggiore) erano portate a termine (Tyburn), le teste dei condannati a morte impalate sulla porta meridionale del "The Bridge", oggi conosciuto come London bridge e per molti secoli, nonostante la immeritata fama del tower bridge), l'unico ponte di londra.

1 comment:

QOTFW said...

Great website. Have already wasted and hour and look foward to wasting some more. Thanks for the heads up.